Appartamento 3°piano con ascensore

Quacchio, fuori mura, in un contesto residenziale di recente costruzione in pietra a vista, appartamento disposto al 2° piano con ascensore, composto da:ingresso,pranzo/soggiorno … [Leggi...]

20170712_170815

Gastronomia, salumi e formaggi

Centro storico, ottima location, zona a  traffico  pedonale, CEDESI trentennale attività di gastronomia, salumi formaggi e articoli complementari. Arredamento completo e canna … [Leggi...]

20170421_105922

locale commerciale di 200 mq entro mura

Vicinanze piazza ariostea, in un contesto urbano caratterizzato da una destinazione d'uso mista: residenziale, terziaria e commerciale, locale commerciale di mq 200 disposto interamente … [Leggi...]

20170408_113237
20161216_152924

Appartamento con ingresso indipendente

Quartiere San Bartolo, a 50 mt dalla metropolitana di superficie, comodo alla ciclabile, e ai centri commerciali,in un piccolo contesto bifamiliare di recente costruzione tipo … [Leggi...]

20161103_155149

Monofamiliare con ampio scoperto a San Martino

SAN MARTINO FE,a 2 km dal centro, zona tranquilla e vicinanze ad altre abitazioni, VILLETTA MONOFAMILIARE di 150 mq(da ammodernare) disposta su 2 livelli sottotetto, magazzino … [Leggi...]

20160510_162201

ATTICO

Zona Via Bologna,vicinanze Ipercoop centro commerciale,in un contesto di recente costruzione,di poche unità, ATTICO di 60 mq ca. disposto al 2° e ultimo piano, composto da ingresso, … [Leggi...]

20160802_182938

BIFAMILIARE PONTEGRADELLA

PONTEGRADELLA zona residenziale e molto tranquilla,VILLA BIFAMIGLIARE di recente costruzione su lotto di 1250 mq è composta da 2 villette: una di 200 mq e l'altra di 135 mq criteri … [Leggi...]

20160415_170645

PODERE 5 Ha seminativo con Magazzino

Tra Copparo e Jolanda di Savoia, fronte strada,PODERE AGRICOLO di Ha 5 seminativo pianeggiante,CORPO UNICO, attualmente coltivato a frumento,ottima fonte irrigua, titoli PAC, oltre … [Leggi...]

20160322_102927

VILLA A CONA

Cona, zona residenziale splendida villa costruita negli anni 90" in mattoni vecchi a faccia a vista, di ampia metratura disposta su due livelli. I due piani, si prestano per essere … [Leggi...]

20151215_154459

FONDINO AGRICOLO 10 Ha Frutteto

A 15 Km da Ferrara direzione mare, terreno agricolo FRUTTETO (pere-mele) di 10 ha ca., in unico corpo, irrigabile e con titoli Pac. Il terreno si trova fronte strada e comprende … [Leggi...]

20151023_121738

VILLA CON PARCO

Pontelagoscuro,a 5 chilometri da Ferrara, in zona residenziale VILLA in contesto Bifamiliare pietra a vista, Ottime finiture con:P.T ingresso, living-room con camino, cucina abitabile, … [Leggi...]

20150924_104139

UFFICIO CON AMPIO PARCHEGGIO

Via Giuseppe Fabbri, comodo al centro, in palazzina pietra a vista UFFICIO al P.T monovano facilmente divisibile, con antibagno e bagno. Utenze autonome, clima, serranda elettrica, … [Leggi...]

Digital StillCamera

FONDINO AGRICOLO DI 21 Ha

Zona del Copparese, vendesi terreno seminativo di 21 Ha ca. CORPO UNICO, pianeggiante, irrigato tramite un canale e con titoli PAC, ampio magazzino. Euro 33.000/ha. A persone o … [Leggi...]

P_20150120_153620

APPARTAMENTO 2 MATRIMONIALI DOPPI SERVIZI

Zona Nord/Ovest, a ridosso del centro, comodo ai servizi(centri commerciali, farmacia, banca, posta, asilo, scuole elementari, fermata autobus, pista ciclabile) in un contesto … [Leggi...]

DSC06095

Appartamento arredato con ingresso indipendente

Zona Nord/Ovest, via Arginone,comodo ai servizi e al casello Autostradale Ferrara Nord, APPARTAMENTO copmpletamente ARREDATO disposto interamente al P.T coì composto: ingresso, … [Leggi...]

DSC06067

FONDO AGRICOLO 30 ha

Zona basso ferrarese Migliarino, Terreno agricolo di ha 30 unico corpo, tutto seminativo, attualmente medicaio, adiacenze Po di Volano. … [Leggi...]

DSC05714

VILLA CON PARCO

Francolino,a 8 Km da Ferrara fronte strada OTTIMA Monofamiliare in pietra a vista disposta interamente al P.T composta da:Ingresso,living-room con caminetto, cucina abitabile, … [Leggi...]

DSC05638

AZIENDA AGRICOLA

Zona del Copparese, a 15 km da Ferrara e a 25 dal mare, FONDO Agricolo 10 Ha fronte strada, coltivato a frutteto impianto da 2 a 4 anni (piena produzione) impianto a goccia, Ottima … [Leggi...]

DSC05428

COPPARO Porzione indipendente

Zona residenziale a ridosso del centro, porzione indipendente terra/cielo disposta su 2 livelli, di recente ristrutturazione così composta: P.T ingresso indipendente, pranzo/soggiorno, … [Leggi...]

Copparo Porzione indipendente

CONTRAFFAZIONE ALIMENTARE

Ferrara
COMUNICATO STAMPA Ferrara, 5/5/2014

COLDIRETTI, RECORD DI IMPORTAZIONI AGROALIMENTARI DA ESTERO A 40 MLD.

Le frodi con il segreto sugli ingredienti stranieri sono aumentate del 248% secondo i dati dei NAS, che svolgono una fondamentale attività di controllo a garanzia dei consumatori ed a difesa dei produttori onesti.
Dall’inizio della crisi sono piu’ che triplicate in Italia le frodi a tavola con un incremento record del 248 per cento del valore di cibi e bevande sequestrati perché adulterate, contraffate o falsificate sulla base della preziosa attività svolta dai carabinieri dei Nas dal 2007 al 2013. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti per sottolineare l’importanza della decisione annunciata dal Ministro della Salute, On. Beatrice Lorenzin che ha accolto la richiesta presentata dal presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo di togliere il segreto e di rendere finalmente  pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero, anche per combattere inganni e sofisticazioni.

Gli ottimi risultati dell’attività dei Nas confermano l’efficacia del sistema di controlli in Italia contro un crimine particolarmente odioso perché – sottolinea la Coldiretti – si fonda sull’inganno e colpisce soprattutto quanti dispongono di una ridotta capacità di spesa a causa della crisi e sono costretti a rivolgersi ad alimenti a basso costo dietro i quali spesso si nascondono infatti ricette modificate, l’uso di ingredienti di minore qualità o metodi di produzione alternativi sui quali è importante garantire maggiore trasparenza. Lo dimostra il fatto che le importazioni agroalimentari in Italia hanno ragiunto la cifra record di 40 miliardi di euro nel 2013 con un aumento del 20 per cento rispetto all’inizio della crisi nel 2007, secondo l’analisi della Coldiretti.. sul mercato mondiale sotto la pressione della crisi è sostenuto – precisa la Coldiretti – il commercio di surrogati, sottoprodotti e aromi artificiali utilizzati per nascondere la bassa qualità degli alimenti.

Si tratta di preoccupazioni che – continua la Coldiretti – riguardano anche l’Italia che è un forte importatore di prodotti alimentari, con il rischio concreto che nei cibi in vendita vengano utilizzati ingredienti di diversa qualità come il concentrato di pomodoro cinese, l’extravergine tunisino, le mozzarelle taroccate ottenute da latte in polvere, paste fuse e cagliate proveniente dall’estero. Il risultato è che nel 2013 sono aumentati del 14 per cento gli allarmi alimentari in Italia con ben 534 notifiche sulla sicurezza di cibi e bevande potenzialmente dannosi per la salute, sulla base del sistema europeo di allerta rapido per alimenti e mangimi (RASFF), rispetto al 2007 in cui è iniziata la crisi. Si tratta – continua la Coldiretti – di un balzo record nel numero di notifiche nazionali al sistema di allerta comunitario per la prevenzione dei rischi alimentari, rispetto allo stesso periodo di cinque anni fa, prima dell’inizio della crisi. Peraltro l’82 per cento degli allarmi alimentari che si sono verificati in Italia sono stati provocati da prodotti a basso costo provenienti dall’estero.

“Il flusso ininterrotto di prodotti agricoli che ogni giorno dall’estero attraversano le frontiere serve a riempiere barattoli, scatole e bottiglie da vendere sul mercato come Made in Italy”, denuncia il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “gli inganni del finto Made in Italy sugli scaffali riguardano due prosciutti su tre venduti come italiani, ma provenienti da maiali allevati all’estero, ma anche tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro che sono stranieri senza indicazione in etichetta, oltre un terzo della pasta ottenuta da grano che non è stato coltivato in Italia all’insaputa dei consumatori, e la metà delle mozzarelle che sono fatte con latte o addirittura cagliate straniere. In un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato – conclude il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo – il valore aggiunto della trasparenza e lo stop al segreto sui flussi commerciali con l’indicazione delle aziende che importano materie prime dall’estero è un primo passo che va completato con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti.

In Italia arriva dall’estero un quantitativo di agrumi freschi pari al 14 per cento della produzione nazionale a cui si aggiungono oltre 300mila quintali di succhi concentrati che finiscono nelle bevande all’insaputa dei consumatori perché in etichetta – sottolinea la Coldiretti – viene indicato solo il luogo di confezionamento. La maggioranza del succo di arancia consumato in Europa, poi, proviene dal Brasile sotto forma di concentrato al quale viene aggiunta acqua una volta arrivato nello stabilimento di produzione, a differenza di quanto avviene per la spremuta. Nel pomodoro da industria l’Italia importa semilavorati industriali prevalentemente da Cina e Stati Uniti pari a circa il 20 per cento della propria produzione.

Ad arrivare in Italia è soprattutto concentrato in fusti da oltre 200 chili che vengono svuotati per confezionare il pomodoro in barattoli e vasetti da distribuire al consumo nel nostro Paese e all’estero senza alcuna indicazione sulla reale provenienza in etichetta. Il risultato sono i bassi prezzi pagati agli agricoltori e il crollo del raccolto che nel 2013 è risultato essere il piu’ scarso degli ultimi dieci anni, secondo le analisi della Coldiretti. In Italia, inoltre, sono stati consumati 2,05 milioni di tonnellate di latte a lunga conservazione ma di questi solo mezzo milione è di provenienza italiana mentre il resto è stato semplicemente confezionato in Itala o addirittura e arrivato già confezionato, con un impatto negativo sul lavoro e sull’economia del paese.

Ma ad essere importati – riferisce la Coldiretti – sono anche semilavorati come le cagliate, polvere di latte, caseine e caseinati che vengono utilizzati per produrre all’insaputa del consumatore formaggi di fatto senza latte. Il falso Made in Italy colpisce anche i formaggi piu’ tipici con la crescita esponenziale delle importazioni di similgrana dall’estero (Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Estonia, Lettonia) per un quantitativo stimato in 83 milioni di chili che fanno concorrenza sleale a Grana Padano e Parmigiano Reggiano o Trentingrana  ottenuti nel rispetto di rigidi disciplinari di produzione.

L’Italia è anche il piu’ grande importatore mondiale di olio di oliva nonostante una produzione nazionale di alta qualità che raggiunge quota 480mila tonnellate, secondo la Coldiretti. Le importazioni di olio dell’Italia superano la produzione nazionale e sono rappresentate per il 30 per cento da prodotti ottenuti da procedimenti di estrazione non naturali (olio di sansa, olio lampante e olio raffinato) destinati alla lavorazione industriale in Italia. In pratica la qualità del nostro olio – sostiene la Coldiretti – viene “contaminata” dalle importazioni e in media la metà dell’olio di oliva consumato in Italia proviene da olive straniere, ma l’etichetta di provenienza che per questo prodotto è obbligatoria risulta di fatto non leggibile perché scritta in caratteri minuscoli posizionati nel retro della bottiglia mentre si fa largo uso di immagini e nomi che richiamano all’italianità.

Solo nell’ultimo anno sono scomparsi in Italia 615mila maiali “sfrattati” dalle importazioni di carne dall’estero per realizzare falsi salumi italiani di bassa qualità, con il concreto rischio di estinzione per i prelibati prodotti della norcineria nazionale, dal culatello di Zibello alla coppa piacentina, dal prosciutto di San Daniele a quello di Parma. La chiusura forzata degli allevamenti è stata causata dall’impossibilità di coprire i costi di produzione per i bassi prezzi provocati dalle importazioni dall’estero di carne di bassa qualità per ottenere prosciutti da “spacciare” come Made in Italy per la mancanza dell’obbligo di indicare in modo chiaro in etichetta la provenienza. In Italia – conclude la Coldiretti – sono state importate 57 milioni di cosce di maiali dall’estero destinate ad essere stagionate o cotte per essere servite come prosciutto italiano, a fronte di una produzione nazionale di 24,5 milioni.

Caratteristiche della Proprieta

Riferimento :
Provincia :
Locali :
Superficie :
Cucina :
Totale piani :
Giardino :
Zona immobile :
Prezzo :
Città :
Bagni :
Riscaldamento :
Piano :
Box :
Stato :

Foto Gallery:


CHIEDI INFORMAZIONI