News

Ecobonus 110% vediamoci chiaro

L’Ecobonus 110% Vi permetterà di riqualificare la Vostra abitazione senza esborsi dal 1° Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021

L’articolo 128 del DL “Rilancio” regolamenta il nuovo Ecobonus 110%. Ecco come funziona e quali tipi di lavori sono comprensibili nel bonus.

Una delle novità del DL “Rilancio” che ha sicuramente attirato l’attenzione di molti,  è senza dubbio, l’Ecobonus al 110% per lavori di interventi di efficientamento energetico e di natura strutturale riguardanti il patrimonio immobiliare del nostro Paese.
Come descritto dal Presidente del Consiglio Conte, i proprietari di case (ma anche affittuari) e chi abita nei condomini potrà realizzare svariati tipologie di lavori di fatto gratuitamente.

Il bonus, infatti, potrà essere ceduto direttamente alla ditta che effettua i lavori (il cosiddetto sconto in fattura), che a sua volta potrà utilizzare la somma sotto forma di credito d’imposta nell’arco di durata di 5 anni. Bisogna però fare delle distinzioni: non tutte le tipologie di lavori ed interventi previsti dal “vecchio” Ecobonus (quello al 50% e 65%, per intendersi) daranno il diritto all’agevolazione maggiorata. Per alcuni interventi, infatti, restano sempre valide le vecchie percentuali di sgravio, mentre altri possono godere dell’Ecobonus 110% solo se vengono svolti a determinate condizioni.

La sostituzione delle finestre, ad esempio, è una di queste. La detrazione fiscale Ecobonus infissi varia a seconda che il cambio avvenga all’interno di interventi di natura più ampia (una ristrutturazione completa del proprio appartamento o immobile, ad esempio) o se si tratta di un “intervento singolo”.

Quali sono i lavori ammessi dall’Ecobonus al 110%

Per capire in maniera esatta come funziona la detrazione fiscale Ecobonus infissi è necessario, prima di tutto, vedere come funziona l’Ecobonus al 110% e quali sono i lavori che potranno godere di questo sgravio fiscale.

Secondo l’articolo 128 del testo del Decreto Rilancio, si potrà ottenere il superbonus per l’edilizia solo per interventi “pesanti”, che consentano di migliorare la classificazione dell’edificio di almeno due classi energetiche. Nello specifico, il Dl Rilancio prevede che l’Ecobonus 110pc venga concesso per I seguenti interventi:

  • Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo spesa massima € 60.000;
  • Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione spesa massima € 30.000;

 

CONTINUA LA LETTURA